La dieta perfetta per l’anti-aging

foto anti age

Beauty comes from inside

L’invecchiamento cutaneo è un processo naturale che caratterizza tutte le specie viventi.

I tempi e le modalità dell’invecchiamento della pelle dipendono soprattutto dalle caratteristiche individuali di ognuno di noi.

Fortunatamente si tratta di un processo graduale che ci permette di adattarci ai cambiamenti del nostro aspetto esteriore e anche di intervenire in qualche modo per rallentare un po’ il processo.

Le teorie per spiegare l’invecchiamento sono moltissime, la scienza ha comunque stabilito con certezza che i fattori che lo determinano sono tanti e che agiscono tutti in modo simultaneo.

In generale l’invecchiamento può essere definito come “la somma di tutti i cambiamenti fisiologici, genetici e molecolari che si verificano con il passare del tempo”.

Le cause principali alla base dell’invecchiamento cutaneo sono di natura genetica, costituzionale e anche ambientale.

A tal proposito è importante considerare la differenza tra due tipi di invecchiamento: quello intrinseco e quello estrinseco.

L’invecchiamento intrinseco, anche detto cronologico, è legato all’età dell’individuo. Si tratta di un processo individuale che può presentarsi più o meno precocemente e con evidenza più o meno marcata a seconda della predisposizione genetica ed ereditaria di ognuno di noi.

L’invecchiamento estrinseco, anche detto fotoinvecchiamento, è indipendente dall’età. Si associa a numerosi fattori come: l’alimentazione, le malattie, l’inquinamento ambientale, lo stress, l’esposizione alle radiazioni solari e anche dal luogo in cui si vive. Per l’invecchiamento estrinseco o fotoinvecchiamento, la prevenzione e le abitudini di vita giocano quindi un ruolo molto importante. L’invecchiamento estrinseco del corpo umano è influenzato da numerose variabili, alcune delle quali dipendono strettamente dal nostro stile di vita.

Tra i fattori su cui è possibile intervenire positivamente per rallentare il processo di invecchiamento estrinseco rientrano:

  • la dieta,
  • l’attività fisica,
  • il benessere interiore (stato d’animo, autostima, gratificazioni professionale),
  • le ore di riposo notturno,
  • l’astensione dal fumo di sigaretta,
  • l’astensione dall’uso di droghe e alcool.

In questo articolo vedremo principalmente quali nutrienti e alimenti sono fondamentali per il benessere della nostra pelle e quindi contrastare il processo di invecchiamento estrinseco.

Vi daremo suggerimenti per elaborare un nuovo stile alimentare corretto, per mantenere una forma fisica tonica e snella, ma anche per sviluppare una vera e propria dieta anti rughe. Vedremo insieme i diversi elementi essenziali per una dieta anti-aging e vi diremo dove si possono trovare per assumerli in modo rapido e gustoso. 

Ecco gli elementi fondamentali per la vostra dieta anti-invecchiamento.

Primo step: è importante che la nostra dieta sia ricchissima di antiossidanti.

Gli antiossidanti sono sostanze in grado di neutralizzare i radicali liberi e di conseguenza proteggere l’organismo dalla loro azione negativa.

I radicali liberi accelerano il processo di fotoinvecchiamento perché accentuano i processi ossidativi delle cellule. Si tratta di molecole instabili, con uno o più elettroni spaiati. Per ritrovare l’equilibrio vanno alla ricerca del loro elettrone mancante e lo “rubano” alle molecole sane, creando un conseguente disordine nell’intero organismo.

I radicali liberi si formano naturalmente in seguito a tutti i processi metabolici: l’organismo li produce anche solo mangiando, infatti le componenti dei vari alimenti ingeriti (zuccheri, grassi, proteine) che vengono trasformate in energia, producono anche degli scarti, i cosiddetti radicali liberi.

Per questo motivo, smog e fumo sono un fattore di rischio. In quanto sostanze tossiche immesse nel nostro organismo distruggono in parte il tessuto, incentivando la fabbricazione di nuove cellule per la riparazione. Questo innesca un processo di rinnovamento cellulare con la conseguente produzione di scorie, cioè nuovi radicali liberi. Finchè’ si è giovani l’organismo riesce da solo a tenere sotto controllo l’attività dei radicali liberi attraverso meccanismi di difesa, come il sistema linfatico e quello immunitario. A questi si aggiungono gli accettori dei radicali liberi, particolari sostanze che, come calamite, catturano questi ospiti indesiderati e li annientano.

Ecco la lista dei nostri alleati per una pelle giovane più a lungo.

  • La Vitamina C, è l’alleato più importante, potente antiossidante. Va assunto con la dieta perchè il nostro organismo non lo produce autonomamente, possiamo reperirlo negli agrumi, nel ribes nero, guaiava, peperoncino e prezzemolo. La vitamina C oltre ad essere un ottimo antiossidante serve anche a stabilizzare la struttura del collagene.
  • La Vitamina E, agisce in maniera sinergica con la Vitamina C si trova in molte verdure, oli vegetali e semi.
  • I Carotenoidi, che ci aiutano aumentando la fotoprotezione si trovano in: carote, zucca, patate dolci, mango e papaya. Il Beta Carotene è nostro alleato nella riduzione delle mutazioni mitrocondiali nei fibroblasti dermici dopo le irradiazioni UV.
  • L’Astraxantina, molto efficace nel contrastare le alterazioni indotte nella pelle dei raggi UVA. Minimizza e previene lassità e rughe. Viene prodotta da microalghe e fitoplancton, riusciamo ad assumerla nella nostra dieta perché risale la catena alimentare attraverso pesci e crostacei come salmone, trota, gamberi ecc.
  • Il Retinolo, è il nutriente essenziale per la crescita, differenziazione e nutrimento dei tessuti epiteliali. E’ estremamente importante ma il nostro corpo non riesce a sintetizzarlo. Bisogna assumerlo attraverso: fegato, latte, tuorlo d’uovo, formaggio e pesce grasso.

Tra gli elementi particolarmente efficaci ed importanti all’interno del nostro regime alimentare contro il fotoinvecchiamento troviamo i POLIFENOLI.

I polifenoli sono utili nel controllare i fattori di rischio agendo prevalentemente sui fenomeni di base, come:

  • il danno indotto dalle specie reattive dell’ossigeno,
  • lo stato infiammatorio di base che si accompagna all’immunosenescenza
  • l’accumulo di tossine con il conseguente deterioramento della funzionalità cellulare.

Bisogna fare attenzione però, perché la quantità di polifenoli contenuti negli alimenti può essere influenzata dai metodi di preparazione e cottura dei cibi, troppo aggressivi o prolungati. Ad esempio, nelle patate ci sono molti polifenoli ma non se ne trova traccia all’interno delle patate fritte. Gli alimenti dove troviamo una maggior concentrazione di polifenoli sono: frutta, bevande derivate da piante (tè verde, vino rosso, caffè) cereali, cioccolata e legumi secchi.

Un’altra molecola essenziale per la salute e la giovinezza della pelle è il COENZIMA Q10 (anche conosciuto come Ubichinone o Ubiquinone). Il coenzima Q10 è presente in tutte le cellule del nostro corpo ed è coinvolto in molti processi fondamentali per la loro sopravvivenza. Questa molecola è capace di esercitare una spiccata attività antiossidante che protegge le cellule dai danni dello stress ossidativo provocato dai radicali liberi. Viene prodotto naturalmente dal nostro organismo ma lo si può assumere anche attraverso alimenti come salmone e tonno, oppure dalle frattaglie, come il fegato, inoltre è presente in quantità notevoli anche nei cereali integrali.

Altri elementi di fondamentale aiuto per la nostra pelle (soprattutto per chi ha la pelle secca) sono gli Acidi Grassi essenziali.

Il nostro corpo non è in grado di sintetizzarli autonomamente, quindi devono essere per forza introdotti attraverso l’alimentazione.

  1. Difendono la pelle dai danni provocati dai raggi UV.
  2. Proteggono dal fotoinvecchiamento, dalle rughe, dall’iperpigmentazione e dall’opacizzazione (pelle spenta e opaca).
  3. Prevengono e contrastano l’ipersensibilità cutanea.
  4. Facilitano il processo di guarigione della cute, nei confronti di ustioni e lesioni dermatologiche come l’acne.

Li troviamo nel pesce, nei molluschi, e in molti olii:

  • Olio di borragine
  • Olio di crusca di riso
  • Olio di semi di girasole
  • Olio di avocado
  • Olio di lino
  • Olio d’oliva

Sono presenti anche nei semi, come quelli di zucca, di girasole, sesamo e avocado e nelle verdure a foglia.

Scegliere di privilegiare questi alimenti e seguire questi consigli per la propria alimentazione è sicuramente un grande aiuto che possiamo offrire alla nostra pelle.

È importante associare, a questo stile alimentare, una restrizione calorica adeguata eliminando almeno il 15- 20% dei carboidrati che si è soliti mangiare.

N.B. Prima di seguire un qualsiasi regime alimentare è sempre necessario consultare il proprio medico ed essere seguiti durante il percorso.

Continua a seguire il nostro blog, ogni settimana un nuovo contenuto riguardante il mondo della medicina estetica.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »